RAVELLO LAB: REPORTAGE PRIMA GIORNATA E “TAVOLE ROTONDE”

27 ottobre 2011 Commenti disabilitati su RAVELLO LAB: REPORTAGE PRIMA GIORNATA E “TAVOLE ROTONDE”


Ravello Lab Colloqui internazionali, prima giornata:

Si è svolta oggi 27 ottobre, nella splendida e suggestiva cornice di Villa Rufolo a Ravello,la conferenza di presentazione della sesta edizione di Ravello Lab – colloqui internazionali. Il forum internazionale quest’anno è  incentrato sui temi delle trasformazioni urbane, degli ecosistemi creativi e sulla coesione sociale.

Il Presidente del Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, il dott. Alfonso Andria ha esposto le tematiche principali del forum, presentando innanzitutto i partner che quest’anno tengono  il patrocinio dell’evento e cioè: Federculture, l’associazione nazionale dei soggetti pubblici e privati che gestiscono le attività legate alla cultura ed al tempo libero.

Federculture opera come sistema-rete per accompagnare i processi di crescita e di sviluppo del settore, in una logica di qualità, efficienza ed economicità. Il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, Formezitalia, centro di ricerca e formazione per la pubblica amministrazione, l MIBAC ( Ministero per i Beni e le Attività Culturali), Il ministero per gli Affari Esteri. L’evento quest’anno si svolge nell’ambito dell’Anno Europeo del volontariato 2011.

A seguire, Andria ha presentato Creactivitas, il laboratorio di Economia Creativa dell’Università di Salerno e promosso dalla Facoltà di Lingue e Letterature straniere, organizzato dal corso di Laurea triennale e magistrale DAVIMUS. Andria ha voluto sottolineare l’importanza della collaborazione di Creactivitas con Ravello Lab, allo scopo di garantire innanzitutto una presenza fisica dell’Università di Salerno. Si tratta di un’opportunità che fornisce all’Ateneo salernitano la possibilità di entrare in contatto con le industrie culturali. “ Questo scambio culturale offrirà– dice Andria- un’ulteriore acquisizione formativa per gli studenti dell’Università di Salerno. Ritengo significativa la presenza del Senatore della Repubblica, l’Onorevole Walter Vitali, ex sindaco di Bologna che da poco tempo ha dato vita ad una serie di iniziative incentrate sulle città e sullo sviluppo culturale e urbano delle stesse, le città devono essere attrattive allo scopo di creare una coesione sociale”.

Il punto fondamentale su cui Andria ha posto la questione è quello che vede la cultura come motore dello sviluppo locale, per la coesione sociale e per la creatività.

Tutti questi temi costituiscono quello che è il vasto scenario dell’Unione Europea. Nel corso della tavola rotonda è stato esposto un altro tema fondamentale che è quello che vede la coesione tra le industrie culturali e la rigenerazione urbana.

È intervenuto, inoltre, il Presidente di Formezitalia, nonché ex sindaco di Ravello che ha tracciato un quadro della sua esperienza prima come sindaco della città e poi come presidente di Formez. “ L’obiettivo dev’essere quello di rendere il futuro delle nostre città più forte in termini sociali ed economici e far si che Cultura ed Economia viaggino insieme. Le imprese che operano a Ravello, sfruttano il bene culturale del luogo per innescare la crescita del territorio” .

La fondazione Ravello è in questo senso un’ottima cabina di regia nel campo delle attività culturali e dell’organizzazione di eventi. Tutto ciò deve poter garantire una ricaduta in termini economici: “ Ravello Lab vuole dare un contributo di proposte e idee per il territorio nazionale”.

Il Presidente di Campania Innovazione, il dott. Giuseppe  Zollo ha dichiarato che la cultura è un bene immateriale che deve continuamente rinnovarsi per essere attiva e per questo l’obiettivo deve essere quello di creare un ecosistema di innovazione e il tutto in un ecosistema compatibile. Il piano di Campania Innovazione si muove su tre assi: Il primo è quello basato sulle relazioni tra i territori: “ è importante connettersi con culture diverse, creare delle partnership con imprese, aziende, università e media”. Zollo sottolinea l’importanza di trasformare i progetti in risultati concreti a favore del territorio. Il secondo punto è quello della costruzione di competenze professionali, tecniche e culturali. Le risorse emozionali sono fondamentali dice Zollo: “ Senza passioni, senza emozioni non si realizza nulla”. Il terzo obiettivo è quello di costruire una memoria permanente di tutto ciò.

L’Assessore regionale Università e Ricerca, il dott. Guido Trombetti parla di una visone globale della cultura, senza distinzioni tra utile e inutile: “La vecchia Europa ha condizionato il mondo con grandi uomini come Fermi, Balzac, Marconi, Hegel. Guai a Privilegiare segmenti ritenuti utili a scapito di altri. Ciò porterebbe ad un inevitabile declino”. L’innovazione ha necessariamente bisogno di cultura per tenersi al passo coi tempi e per far si che i paesi possano competere tra di loro e scambiarsi conoscenza e formazione.

Altri relatori sono stati Rita Graziano, Dirigente Ministero del lavoro e delle politiche sociali che ha parlato del compito istituzionale di promuovere il terzo settore ed erogare servizi sociali sul territorio. A conclusione della tavola rotonda sono intervenuti Ermanno Guerra, Assessore Cultura e Univeristà del Comune di Salerno che ha parlato dello sviluppo della comunità basato sui piccoli cambiamenti, portando come esempio Salerno che è stata capace di diventare Capoluogo d’Italia nella raccolta differenziata. Inoltre mette in evidenza il numero significativo delle associazioni culturali e non in Italia, che rendono possibile il flusso di idee e di conoscenza salvandoci dall’individualismo.

Edoardo Di Trolio, Referente Istituzionale Sud Customer Satisfaction che ha ribadito il concetto sull’importanza e la necessità della coesione sociale, del found raising e del volontariato allo scopo di arrivare ad un punto di svolta per la Regione. “ L’imprenditoria e la Pubblica Amministrazione possono dare nuove opportunità. Un esempio lampante è la trasformazione di siti abbandonati e confiscati alla camorra come il sito archeologico di Bagnoli a Napoli.

Sara Formisano

Alfonsina Avvisati

Annunci

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo RAVELLO LAB: REPORTAGE PRIMA GIORNATA E “TAVOLE ROTONDE” su .

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: