CREACTIVITAS RACCONTA: 30 TORINO FILM FESTIVAL – LE VIE DEL CINEMA

26 novembre 2012 Commenti disabilitati su CREACTIVITAS RACCONTA: 30 TORINO FILM FESTIVAL – LE VIE DEL CINEMA

Al via, in data 23 Novembre 2012, il Torino Film Festival, uno dei principali festival italiani dedicato al cinema indipendente. Nato nel 1982 come Festival Internazionale Cinema Giovani, compie quest’anno il suo trentesimo anniversario. Ad inaugurarne l’apertura presso l’Auditorium Giovanni Agnelli, con Claudia Gerini madrina della serata, la commedia che segna il debutto alla regia di un grande attore quale Dustin Hoffman: Quartet.

Il vasto programma del Tff 2012, che si snoderà per un’intera settimana, celebra, come abitudine, un cinema giovane e fresco, sintomo di un rinnovamento linguistico e stilistico, avvertito a livello nazionale quanto quello internazionale, come dimostra la sezione Torino30. Il Concorso presenta sedici opere prime, seconde o terze di giovani talenti cinematografici. Il festival rinsalda, così, il legame con il suo stesso pubblico, mescolando al suo interno cinema d’autore e di genere, sperimentazione e riscoperta di grandi classici. Il gran premio Torino quest’anno viene infatti assegnato a due importanti autori europei: Ettore Scola, per l’affresco culturale e sociale che ha saputo tratteggiare del nostro paese, e Ken Loach, che trasmette con umorismo e forza morale la società contemporanea. Una società a lui così cara che lo ha portato alla drastica decisione di rinunciare al premio in questione il giorno precedente all’inizio dell’intero festival, da buon regista operaio che ha dedicato la sua intera attività cinematografica alla descrizione delle condizioni lavorative e vicino questa volta ai dipendenti della Cooperativa Rear che prestano la loro opera al Museo Nazionale del Cinema.

Ma ciò non ferma ovviamente la portata del festival. Ampio spazio è dedicato anche alla retrospettiva proposta da Emanuela Martini e dedicata a Joseph Losey, regista e sceneggiatore cinematografico e teatrale, scomparso il 1984. Accanto alle proiezioni dei trentasette tra lungometraggi, corto e documentari realizzati negli anni Quaranta e Cinquanta, saranno presenti a Torino Patricia Mohan Losey, vedova dell’autore e sua collaboratrice durante la seconda parte della sua carriera e Marek Losey, il nipote, a sua volta regista con il suo film d’esordio del 2008 The Hide.

La sezione Onde coniuga invece le nuove prospettive dello sguardo con attenzione al cinema lusitano, francese o statunitense accanto a un doppio omaggio. Da un lato il cinema del maestro portoghese Miguel Gomes, che presenta, tra gli altri, il suo primo cortometraggio, Entrentanto, e dall’altro il collettivo artistico bolognese Zimmerfrei (Massimo Carozzi, Anna de Manicor, Anna Rispoli) che si muove nei luoghi comuni tra cinema, teatro, musica, live e performance.

Non manca l’attenzione ai documentari con il Tffdoc, sezione divisa in due concorsi, internazionale.doc e italiana.doc, che ospitano opere prime di svariati ed emergenti cineasti. A corredare il tutto troviamo i Documenti, spazio dedicato a film fuori concorso ma non meno rilevanti dal punto di vista sociale, evidenziando una delle peculiarità che da sempre ha contraddistinto questo festival: la volontà di contribuire alla formazione di una coscienza, impregnata di attualità. Il documentario non diventa quindi replica banale del reale, ma momento di riflessione e spunto per nuove movimenti di pensiero, tanto per argomenti quali lotti tra ribelli o crisi nazionali, quanto la documentazione di un eccentrico ricordo di Carmelo Bene attraverso le rushes di Nostra Signora dei Turchi, le immagini delle prove del Macbeth raccolte da Ferruccio Marotti in Concerto per attore solo.

Immancabile anche uno spazio interamente dedicato al territorio piemontese, con Spazio Torino che presenta sei cortometraggi realizzati da cineasti residenti esclusivamente in Piemonte, o ancora Torino Film Lab, officina attiva dal 2008 e volta al sostenimento di progetti di vario genere, seguiti appositamente dal Torino Film Lab e poi presentati durante il Festival. Quest’anno la sezione è animata da sei film di registi di provenienze diverse: Indonesia, Bosnia, Germania, Turchia, Slovenia.

Realizzato con il contributo di Città di Torino, Provincia di Torino, Regione Piemonte e la Direzione Generale per il cinema del Mibac e con il sostegno di Compagnia San Paolo e Fondazione CRT, il 30Tff anima ancora una volta il cuore di una città che da sempre è stata fulcro cinematografico e punto di convergenza di diverse manifestazioni artistiche. E lo fa con ampie prospettive, capaci di incuriosire le centinaia di turisti ed appassionati giunti appositamente per l’occasione.

Dopo un inizio travolgente, un festival tutto da vedere.

 

Valentina Milite

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo CREACTIVITAS RACCONTA: 30 TORINO FILM FESTIVAL – LE VIE DEL CINEMA su .

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: